Alborella  Alburnus alburnus alborella
Fam. Ciprinidi

Ciprinide di piccola taglia, supera difficilmente i 16 cm. Corpo lateralmente appiattito per tutta la lunghezza, con squame facilmente asportabili. Ha una magnifica livrea il cui colore predominante è quello argenteo. Ha carni ottime ed è considerato la consolazione di ogni pescasportivo. Popola in gran numero laghi, fiumi e canali, dove si raduna in enormi branchi, manifestando la presenza (specialmente nei laghi) con le classiche bollate in superficie, la sua pesca si effettua con canna a lancio con amettiera scoubidou oppure con canna fissa, galleggiante e un amo, innescando dei bigattini
( cagnotti o gianin).
Ora la sua pesca sul lago di Como è regolamentata in modo particolare, qui sotto c'è la normativa a riguardo.
LIMITAZIONI PARTICOLARI RIGUARDANTI LA PESCA DELL' ALBORELLA SUL LAGO DI COMO
La pesca delle alborelle è permessa soltanto come approvvigionamento di esche, con l’obbligo di mantenere i pesci vivi all’interno di adeguati contenitori e con il limite massimo di 20 esemplari al giorno per pescatore.
Dal 1 maggio al 30 giugno non è permessa alcuna detenzione delle alborelle catturate, ma solo l’immediato utilizzo delle medesime come esca.
Ciascun pescatore può usare una sola canna da pesca, armata con un solo amo. E’ vietata la pasturazione.

N.B. E’ consentito l’uso dello scoubidou per la pesca del pesce persico “con il vivo”.

Normative lago di Como:
Periodo di divieto: dal 1 Maggio al 30 Giugno
Per informazioni dettagliate :http://www.provincia.como.it